Perché l'aria condizionata non funziona?

Perché l'aria condizionata non funziona?

14 aprile 2022

BREVE GUIDA ALL'ARIA CONDIZIONATA DELL'AUTO: PERCHÉ DIFETTA E QUANDO È NECESSARIO L'INTERVENTO DELL'OFFICINA

Ariacondizionata

L'estate è alle porte e nonostante le tiepide temperature un brivido scende lungo la schiena alla prima accensione dell'aria condizionata dell'auto: funzionerà anche quest'anno?

Se per voi la risposta è "sì", è molto strano siate arrivati su questa pagina, ma vi diamo comunque il benvenuto. Per tutti gli altri, questo breve articolo è stato scritto apposta per voi.

Perché l'aria condizionata non funziona?

I problemi più comuni che si presentano all'impianto dell'aria condizionata sono legati a diversi componenti e manifestano sintomi differenti:

  • Il liquido di raffreddamento è terminato: in questo caso il sistema di condizionamento dell'auto si attiverà senza batter ciglio, funzionerà correttamente se impiegato per scaldare l'abitacolo, ma emetterà aria poco fredda o tiepida se impiegato per il raffreddamento.
  • Si è intasato il filtro antipolline: in questo caso sarà la potenza del getto dell'aria che esce dalle bocchette ad essere compromesso e spesso il filtro sporco si accompagna ad un gettito d'aria di odore sgradevole.
  • Il compressore non funziona adeguatamente: anche in questo caso è solo la capacità di raffreddamento ad essere compromessa, mentre la funzionalità di riscaldamento manterrà le stesse prestazioni di sempre. Altro segno di un possibile guasto al compressore è la rumorosità dell'impianto una volta accesso.

Cosa fare se l'aria condizionata è scarica?

Analogamente al frigorifero e agli impianti domestici di climatizzazione, il sistema dell'aria condizionata dell'auto fa affidamento su un liquido che comprimendosi e decomprimendosi rende possibile il raffreddamento.

Se la causa del malfunzionamento del climatizzatore è la mancanza di liquido, è possibile rabboccarlo autonomamente, anche se i costi dei kit in commercio non rendono l'operazione economicamente conveniente rispetto all'eseguire l'intervento presso un'officina o un distributore di benzina che fornisce il servizio.

Se si è rabboccato il liquido di recente ma il problema si ripresenta dopo poco tempo è probabile che ci sia una perdita del liquido di raffreddamento che necessita dell'intervento dell'officina.

Cosa fare se si è intasato il filtro abitacolo?

foto di un filtro abitacolo

Il filtro abitacolo (o antipolline) ha il compito di filtrare l'aria in entrata, riducendo sostanze tossiche, pollini e odori che possono essere presenti nell'aria esterna. In presenza di un filtro sporco o intasato il sistema di climatizzazione farà fatica a immettere aria dentro l'abitacolo, andando inoltre a sforzare di più il resto dell'impianto di climatizzazione.

Se il filtro difetta si può procedere anche autonomamente ad una pulizia o alla sostituzione.

Il filtro va sostituito se:

  • Il filtro presenta danni
  • Il filtro ha già fatto 12.000/15.000 km. Buona abitudine infatti sarebbe cambiarlo prima che cominci a difettare, a seconda dei chilometri percorsi.

Procedendo autonomamente alla pulizia del filtro si consiglia caldamente di usare solamente prodotti appositi, poiché una scorretta pulizia del filtro può peggiorare la situazione.

Cosa fare se è il compressore a difettare?

Auto in officina sottoposta ad un intervento al compressore

Il compressore è una componente fondamentale dell'impianto di climatizzazione, avendo il compito di comprimere il liquido ed innescare il processo chimico alla base del raffreddamento dell'aria.

Se il compressore difetta è sempre consigliabile portare l'auto in un'officina di fiducia: ci sono diversi motivi per cui un compressore potrebbe non funzionare, ed è opportuno eseguire una diagnostica accurata per valutare il tipo di intervento, poiché la sostituzione dell'intero compressore è costosa e non sempre necessaria.


Condividi

Richiedi informazioni

Invia il tuo messaggio

INFORMATIVA AI SENSI DEL REGOLAMENTO UE N. 2016/679 "GDPR"
I dati personali acquisiti saranno utilizzati esclusivamente per rispondere alla richiesta formulata. Gli Interessati possono esercitare i diritti di cui agli artt. 15 - 23 del GDPR scrivendo all'indirizzo privacy@leonori.it. Informativa completa.

Letta e compresa l’Informativa Privacy, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte di Leonori spa per finalità di marketing come indicato dall’Informativa Privacy, con modalità elettroniche e/o cartacee, e, in particolare, a mezzo posta ordinaria o email, telefono (es. chiamate automatizzate, SMS, sistemi di messaggistica istantanea), e qualsiasi altro canale informatico (es. siti web, mobile app).